Logo8.gif (19488 byte)

Sfoglia
Finanza & Fisco

getacro.gif (1090 byte)
Scarica il Reader di Acrobat

 

scheda_sfo.GIF (418 byte)

Archivio riviste

cop2.jpg (3253 byte)

V
scheda_cont.gif (1099 byte)

   I commenti
   La legislazione
   La prassi
   La giurisprudenza
  
  

scheda_prod.gif (1178 byte)

Dossier  e   Raccoglitori

Indice in CD-Rom

scheda_que.gif (1136 byte)

roberto5.jpg (18643 byte)

scheda_mul.gif (1157 byte)

La rivista in CD-Rom

scheda_archivio.gif (1092 byte)

Archivio
e ricerca nel Web

scheda.jpg (995 byte)

Abbonarsi a F&F

Contattateci

Link utili


schedand.jpg (1303 byte)bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)
bianco.jpg (1211 byte)

 

 

Il Sommario del settimanale n.  5 del 2010

*ATTENZIONE: gli articoli di questo numero della rivista
sono consultabili solo dagli abbonati registrati

bottone.gif (698 byte) Clicca qui per estendere il tuo abbonamento "Anteprima on line"
   gratis per gli abbonati a "Finanza & Fisco". REGISTRATI SUBITO!

 

 

 

file PDF Le nuove regole di territorialità IVA per le prestazioni di intermediazione su beni mobili di Elia Orsi

 

 

 

file PDF Verifica fiscale: sulla durata e sul concetto di giorno lavorativo di Alvise Bullo e Fabrizio Dominici

file PDF La durata della verifica non può superare i trenta giorni lavorativi, prorogabili per ulteriori trenta giorni nei casi di particolare complessità dell'indagine. Il superamento porta alla nullità dell'avviso di accertamento — Commissione Tributaria Regionale del Piemonte - Sezione XV - Sentenza n. 26 del 7 maggio 2009: «CONTROLLI E VERIFICHE FISCALI - STATUTO DEL CONTRIBUENTE - ACCERTAMENTO - Diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali - Tempo massimo di permanenza dei verificatori fiscali ex art. 12, comma 5, della L 27/07/2000, n. 212 - Operazioni ispettive di durata superiore ai 30 giorni lavorativi - Superamento di termine perentorio - Conseguenze - Nullità dell'avviso di accertamento - Art. 52, del DPR 26/10/1972, n. 633 - Art. 33, del DPR 29/09/1973, n. 600»

 

 

 

file PDF Nullo l'accertamento tributario emesso nei confronti di società a responsabilità limitata già cancellata dal registro delle imprese notificato al liquidatore. Il nuovo art. 2495, comma 2, cod. civ. opera retroattivamente e si applica anche alle liquidazioni aperte ante 1° gennaio 2004 

Commissione Tributaria Provinciale di Cagliari - Sezione II - Sentenza n. 226 del 29 giugno 2009: «SOCIETÀ - Di capitali - Società a responsabilità limitata (SRL) - Scioglimento - Liquidazione - Liquidatori - Cancellazione della società - Effetti - Estinzione della società - Art. 2495, secondo comma, cod. civ. - Modifica da parte dell'art. 4 del D.Lgs. 17/01/2003, n. 6 - Applicabilità alle cancellazioni intervenute anteriormente all'entrata in vigore della riforma - Sussistenza - Conseguenze - Avviso di accertamento - Notifica effettuata al liquidatore - Nullità dell'atto di accertamento indirizzato al liquidatore della società estinta»

 

 

 

file PDF La rilevanza della condotta "fiscale" e della consistenza del patrimonio dell'impresa rispetto alla pretesa erariale nella valutazione del rischio della perdita del credito per l'autorizzazione giudiziale all'ipoteca fiscale e al sequestro conservativo 

Commissione Tributaria Provinciale di Treviso - Sezione VII - Sentenza n. 98 del 30 settembre 2009: «RISCOSSIONE - SANZIONI TRIBUTARIE - CONTENZIOSO TRIBUTARIO - Provvedimenti cautelari pro Fisco - Misure conservative - Misure cautelari a tutela dei crediti relativi alle imposte e sanzioni - Iscrizione di ipoteca legale - Sequestro conservativo - Presupposti - Periculum in mora - Fumus boni juris - Fatti relativi ad altri periodi di imposta rispetto all'accertamento - Valutabilità - Art. 22, del D.Lgs. 18/12/1997, n. 472 • RISCOSSIONE - SANZIONI TRIBUTARIE - CONTENZIOSO TRIBUTARIO - Provvedimenti cautelari pro Fisco - Misure conservative - Misure cautelari a tutela dei crediti relativi alle imposte e sanzioni - Iscrizione di ipoteca legale - Sequestro conservativo - Presupposti - Periculum in mora - Fumus boni juris - Presenza congiunta dei presupposti - Necessità - Rilevanza della consistenza del patrimonio dell'impresa rispetto alla pretesa erariale - Rilevanza della possibilità del contribuente debitore di depauperare facilmente il proprio patrimonio - Fondamento - Art. 22, del D.Lgs. 18/12/1997, n. 472»

 

 

 

file PDF I provvedimenti conservativi di cui all'art. 22 del D.Lgs. n. 472/1997 possono essere adottati anche sulla base di un avviso di accertamento. Ma il pericolo nel ritardo va adeguatamente motivato

Commissione Tributaria Provinciale di Treviso - Sezione V - Sentenza n. 144 del 17 dicembre 2009: «RISCOSSIONE - SANZIONI TRIBUTARIE - CONTENZIOSO TRIBUTARIO - Provvedimenti cautelari pro Fisco - Misure conservative - Misure cautelari a tutela dei crediti relativi alle imposte e sanzioni - Iscrizione di ipoteca legale - Sequestro conservativo - Atti impositivi suscettibili di essere assistiti dalle misure cautelari - Avviso di accertamento - Sussistenza - Rafforzamento dell'obbligo motivatorio - Fondamento - Puntuale ed esauriente motivazione delle istanze - Necessità - Art. 22, del D.Lgs. 18/12/1997, n. 472 • RISCOSSIONE - SANZIONI TRIBUTARIE - CONTENZIOSO TRIBUTARIO - Provvedimenti cautelari pro Fisco - Misure conservative - Misure cautelari a tutela dei crediti relativi alle imposte e sanzioni - Iscrizione di ipoteca legale - Adempimenti degli Uffici - Certificati relativi ai beni da "cautelare", che vanno allegati all'istanza di adozione di misure cautelari - Art. 22, del D.Lgs. 18/12/1997, n. 472»

 

 

 

file PDF Compilazione del quadro IQ e omissione del versamento dell'Irap da parte di professionista: non utilizzabile il potere di correzione e liquidazione delle imposte ex art. 36-bis del D.P.R. n. 600/73

Commissione Tributaria Provinciale di Macerata - Sezione II - Sentenza n. 7 del 21 gennaio 2010: «RISCOSSIONE - ACCERTAMENTO DELL'IMPOSTA REGIONALE SULLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE - Cartella di pagamento - Liquidazione automatica ex art. 36-bis del DPR 29/09/1973, n. 600 - Correzioni di errori materiali o di calcolo senza necessità di preventivo accertamento in rettifica - Ipotesi di carattere eccezionale e non estensibili - Indagine conoscitiva sulla debenza o meno dell'IRAP - Questioni relative alla applicazione di norme di esclusione per mancanza dei presupposti impositivi - Presupposto dell'imposta per le attività di lavoro autonomo - Autonoma organizzazione - Indagine sull'utilizzo di una significativa o non trascurabile organizzazione di mezzi od uomini in grado di ampliare i risultati dell'attività - Conseguenze - Inammissibilità della liquidazione - Art. 2, del D.Lgs. 15/12/1997, n. 446 • IRAP (Imposta regionale sulle attività produttive) - Tassazione dei lavoratori autonomi - Presupposto dell'imposta - Svolgimento dell'attività senza significative strutture professionali proprie - Condizioni per il non assoggettamento - Sussistenza - Compilazione del quadro IQ - Irrilevanza - La mera indicazione nel modello UNICO dell'IRAP non costituisce automatica fonte dell'imposta ovvero riconoscimento dell'esistenza incontestabile del presupposto d'imposta - Conseguenze nel caso di specie - Illegittimità della cartella nel caso di svolgimento dell'attività senza significative strutture professionali proprie e in assenza di dipendenti - Art. 36-bis, del DPR 29/09/1973, n. 600 - Art. 2, del D.Lgs. 15/12/1997, n. 446»

 

 

 

file PDF Funzione di amministratore e veste di socio: si consolida a Sezioni Unite l'orientamento della Corte di Cassazione sull'unica contribuzione applicabile soltanto sull'attività prevalente

Corte Suprema di Cassazione - Sezioni Unite Civili - Sentenza n. 3240 del 12 febbraio 2010: «LAVORO - INPS - CONTRIBUTI PREVIDENZIALI ED ASSISTENZIALI - Attività di socio amministratore di società di S.r.l. e di socio - Contemporanea attività commerciale e di amministratore - Iscrizione nella gestione separata in qualità di amministratore prevista dall'art. 2, comma 26, della L 08/08/1995, n. 335 - Iscrizione nella gestione IVS commercianti in qualità di socio lavoratore prevista dall'art. 1, comma 203, della L 23/12/1996, n. 662 - Coesistenza delle due iscrizioni - Esclusione - Non sussistenza dell'obbligo di doppia iscrizione alla gestione commercianti e a quella separata - Fondamento - Obbligo di chiedere l'iscrizione nella gestione in cui svolge l'attività con carattere di prevalenza - Necessità - Art. 29, primo comma, della L 03/06/1975, n. 160 - Art. 2, comma 26, della L 08/08/1995, n. 335 - Art. 1, commi 203 e 208, della L 23/12/1996, n. 662»

 

 

 

file PDF Ristrutturazione e cessione con cambio di destinazione d'uso da immobile strumentale ad abitazione: per individuare i criteri di detrazione dell'IVA assolta sui lavori rilevante la classificazione catastale nel momento degli interventi edilizi

Risoluzione dell'Agenzia dell'Entrate n. 58 del 21 febbraio 2008: «OGGETTO: IVA (Imposta sul valore aggiunto) - Cessioni di fabbricati strumentali trasformati in abitativi - Cessione di fabbricati abitativi - Impresa cedente - Impresa che ha costruito o ristrutturato l'immobile (anche mediante appalto a terzi) - Cessione entro quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o della ristrutturazione del fabbricato - Operazione imponibile Iva - Sussistenza - Cessione oltre quattro anni dalla data di ultimazione della costruzione o della ristrutturazione del fabbricato - Operazione esente da Iva - Sussistenza - Conseguenze sulla detraibilità dell'Iva assolta sui lavori di ristrutturazione - Rilevanza della classificazione catastale nella categoria ancora strumentale e non abitativa nel momento della ristrutturazione - Non applicabilità della indetraibilità oggettiva ex lett. i) del comma 1 dell'art. 19-bis1 del DPR n. 633/1972 con riferimento all'Iva assolta sui lavori di ristrutturazione finalizzati al cambiamento di destinazione d'uso di un immobile da strumentale ad abitativo - Detrazione in correlazione alle operazioni attive compiute dal cedente in base al principio della indetraibilità da pro rata - Rettifica della detrazione Iva effettuata al momento della ristrutturazione del fabbricato - Necessità in presenza dei presupposti di cui all'art. 19-bis2 del DPR n. 633/1972 - Artt. 10, primo comma, n. 8-bis), 19-bis1, comma 1, lett. i), 19-bis2 del DPR 26/10/1972, n. 633»

 

 

 

file PDF Intervento di ristrutturazione per destinare ad uso ufficio immobile originariamente accatastato come abitazione censito al catasto nella categoria "F" in attesa dell'ultimazione dei lavori: modalità di deduzione delle spese ai fini del reddito professionale e rilevanza della classificazione catastale per la detrazione dell'IVA relativa

Risoluzione dell'Agenzia delle Entrate n. 99 E dell'8 aprile 2009: «IMPOSTE SUI REDDITI - Spese di ristrutturazione sostenute in relazione ad immobili strumentali per l'esercizio dell'attività professionale - Redditi di lavoro autonomo - Determinazione - Criteri di deduzione delle spese - Art. 54, comma 2, del DPR 22/12/1986, n. 917 come modificato dall'art. 1, comma 334, della L 27/12/2006, n. 296 • IVA (Imposta sul valore aggiunto) - Detrazione IVA - Spese di ristrutturazione di immobile originariamente accatastato come civile abitazione censito al catasto nella categoria (F) in attesa dell'ultimazione dei lavori di ristrutturazione e del cambio di destinazione d'uso in A/10 - Rilevanza della classificazione catastale nella categoria (F) che individua le "unità immobiliari in corso di definizione" - Categoria transitoria non idonea a mutare la destinazione d'uso - Conseguenze - Fabbricato di natura di abitativa - Non detraibilità dell'imposta assolta per le spese di ristrutturazione di immobile - Art. 19-bis1), del DPR 26/10/1972, n. 633»

 

 

 

file PDF Misure cautelari pro Fisco a garanzia di imposte evase e sanzioni: aggiornate le istruzioni operative per l'iscrizione di ipoteca legale o il sequestro conservativo dei beni del trasgressore

Circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 4 E del 15 febbraio 2010: «RISCOSSIONE - SANZIONI TRIBUTARIE - CONTENZIOSO TRIBUTARIO - Provvedimenti cautelari pro Fisco - Misure cautelari a tutela dei crediti relativi alle imposte - Iscrizione di ipoteca legale - Sequestro conservativo - Presupposti e adempimenti degli uffici e dei nuclei di verifica - Aggiornamento istruzioni operative - Art. 22, del D.Lgs. 18/12/1997, n. 472 - Modifiche normative recate dall'art. 27 del DL 29/11/2008, n. 185, conv., con mod., dalla L 28/01/2009, n. 2, e dall'art. 15, commi da 8-bis a 8-quater, del DL 01/07/2009, n. 78, conv., con mod., dalla L 03/08/2009, n. 102» 

 

 

 

file PDF Nuovi modelli Intrastat per le operazioni intracomunitarie: nel primo periodo le violazioni nella compilazione dipendenti dalla incertezza normativa dovuta al tardivo recepimento delle direttive non sono sanzionabili  

Circolare dell'Agenzia delle Entrate n. 5 E del 17 febbraio 2010: «IVA (Imposta sul valore aggiunto) - SANZIONI TRIBUTARIE - Scambi comunitari di beni e servizi - Elenchi riepilogativi delle operazioni intracomunitarie (modelli Intrastat) - Violazioni dipendenti da incertezza normativa oggettiva tributaria - Nuovi obblighi in materia di elenchi riepilogativi - Non applicazione delle sanzioni in caso di violazioni concernenti la compilazione dei nuovi elenchi, relativi ai mesi da gennaio a maggio 2010 per gli obblighi mensili, nonché al primo trimestre 2010 per gli obblighi trimestrali - Condizioni - Sanatoria delle eventuali delle violazioni entro il 20 luglio 2010 - Direttive 2008/8/CE e 2008/117/CE - Art. 10, della L 27/07/2000, n. 212»

 

 

 

file PDF Le prime istruzioni delle Dogane in attesa dell'approvazione definitiva dei nuovi modelli Intrastat per gli scambi intracomunitari di beni e servizi

Nota dell'Agenzia delle Dogane prot. n. 24265/RU del 19 febbraio 2010: «IVA (Imposta sul valore aggiunto) - Scambi comunitari di beni e servizi - Elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari di beni e dei servizi resi e ricevuti (Modelli Intrastat) - Nuovi obblighi in materia di elenchi riepilogativi - Prime istruzioni - D.Lgs. 11/02/2010, n. 18 - Direttive 2008/8/CE e 2008/117/CE»

 

 

 

file PDF Le aliquote IVA applicabili alla cessione di fabbricati in corso di ristrutturazione edilizia

Studio n. 88-2009/T del Consiglio Nazionale del Notariato - Approvato dalla Commissione studi tributari - 12 novembre 2009

 

 
 
 
 
 
 

 


bottone.gif (698 byte) Abbonati a
Finanza & Fisco