indietro
Circolare dell'INPS n. 38 del 8 marzo 2006


Lavoratori autonomi e parasubordinati. Contribuzione volontaria per l'anno 2006.

OGGETTO:

Lavoratori autonomi e parasubordinati. Contribuzione volontaria per l'anno 2006.

SOMMARIO:

1 .  Versamenti volontari nelle gestioni artigiani e commercianti.

2.  Versamenti volontari nella Gestione separata.

1) artigiani e commercianti.

Nel confermare integralmente i chiarimenti forniti con circolare n 96  del  3 giugno 2003 , relativamente agli iscritti alle  Gestioni degli artigiani e degli esercenti attività commerciali autorizzati alla prosecuzione volontaria si rammenta che la relativa contribuzione  si determina applicando le aliquote stabilite per il versamento dei contributi obbligatori di cui alla legge 2 agosto 1990 n.233 e successive modifiche e integrazioni, al reddito medio  di ciascuna delle previste otto classi di reddito.

Pertanto, l'importo dei contributi volontari degli artigiani e degli esercenti attività commerciali per il corrente anno  dovrà essere calcolato con le seguenti aliquote:

a) prosecutori volontari nella Gestione  artigiani”

17,40%, per i titolari di qualunque età e per i collaboratori di età superiore ai 21 anni;

14,40%,  per i collaboratori di età non superiore ai 21 anni;

b) prosecutori volontari nella Gestione commercianti

17,79%,  per i titolari di qualunque età e per i collaboratori di età superiore ai 21 anni;

14,79%,  per i collaboratori di età non superiore ai 21 anni.

Sulla base delle predette aliquote e dei valori reddituali aggiornati, sono state predisposte  le  tabelle di contribuzione che seguono, da applicare con effetto dal 1° gennaio 2006.

ARTIGIANI

Classi di reddito ai fini della prosecuzione volontaria

(Decorrenza 01/01/2006)

Classi di reddito

Reddito medio imponibile

Contribuzione mensile

17,40% RM

14,40%RM

       1

                             Fino      €      13.345

13.345

193,50

160,14

       2

   da   €   13.346           a    €      17.670

15.508

224,87

186,10

       3

   da   €   17.671           a    €      21.995

19.833

287,58

238,00

       4

   da   €   21.996           a    €      26.320

24.158

350,29

289,90

       5

   da   €   26.321           a    €      30.645

28.483

413,00

341,80

       6

   da   €   30.646           a    €      34.970

32.808

475,72

393,70

       7

   da   €   34.971           a    €      39.296

37.134

538,44

445,61

       8

   da   €   39.297        

39.297

569,81

471,56

COMMERCIANTI

Classi di reddito ai fini della prosecuzione volontaria

(Decorrenza 01/01/2006)

Classi di reddito

Reddito medio imponibile

Contribuzione mensile

17,79% RM

14,79%RM

       1

                             Fino      €      13.345

13.345

197,84

164,48

       2

   da   €   13.346           a    €      17.670

15.508

229,91

191,14

       3

   da   €   17.671           a    €      21.995

19.833

294,02

244,44

       4

   da   €   21.996           a    €      26.320

24.158

358,14

297,75

       5

   da   €   26.321           a    €      30.645

28.483

422,26

351,05

       6

   da   €   30.646           a    €      34.970

32.808

486,38

404,36

       7

   da   €   34.971           a    €      39.296

37.134

550,51

457,68

       8

   da   €   39.297        

39.297

582,58

484,34

N.B.

La classe di reddito da attribuire è quella il cui reddito medio è pari o immediatamente inferiore alla media dei redditi sui quali sono stati versati i contributi negli ultimi tre anni. Detta media va quindi rapportata ai soli importi indicati sub"reddito medio imponibile "

2 ) Gestione separata .

L'importo del contributo volontario dovuto alla Gestione Separata deve essere determinato in base alle disposizioni dell'articolo 7 del D.Lgs. n.184/1997, cioè applicando all'importo medio dei compensi percepiti nell'anno di contribuzione precedente la data della domanda, l'aliquota IVS di finanziamento della Gestione.

Ai fini della determinazione del contributo volontario deve essere presa in considerazione esclusivamente l'aliquota IVS vigente per i soggetti   privi di tutela previdenziale (non assicurati e non titolari di pensione) pari, per l'anno 2006, come peraltro indicato nella circolare n. 11 /2006 , al 17,70%.

Si evidenzia, al riguardo, che ai sensi dell'art. 45 del DL. 30 settembre 2003, n. 269, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 novembre 2003, n. 326, l'aliquota contributiva pensionistica per gli iscritti alla Gestione separata  privi di altra tutela previdenziale deve essere aumentata di un punto in riferimento  alla  quota di reddito eccedente il limite della prima fascia di retribuzione pensionabile.

Conseguentemente, sulla quota parte dell'importo medio dei compensi percepiti eccedente tale limite  di reddito ( pari per l'anno 2006 a €. 39.297,00), l'aliquota IVS sarà applicata nella misura del 18,70%.

 

Poiché la contribuzione obbligatoria viene accreditata su base mensile, anche il contributo volontario dovrà essere calcolato a mese e poi versato per trimestri solari, alle scadenze previste per la generalità degli autorizzati.

Considerato che la copertura assicurativa di un intero anno si acquisisce in presenza di versamenti complessivamente non inferiori al valore ottenuto applicando l'aliquota IVS al minimale di reddito vigente nella gestione Commercianti (per il 2006 pari ad €. 13.345,00annui e ad €.1.112,08 mensili) e tenuto conto del predetto minimale di reddito e dell'aliquota IVS vigente (17,70%), l'importo minimo dovuto dai prosecutori volontari della Gestione separata non potrà essere inferiore a €. 2.362,00, su base annua, e ad  €. 196,84, su base mensile.

Il Direttore Generale
Crecco