COMUNICATO STAMPA

 

Pronti i nuovi modelli di dichiarazione annuale Iva: il provvedimento di approvazione sul sito con le istruzioni

 

Pronti i nuovi modelli di dichiarazione annuale IVA da utilizzare nel 2008. Il relativo provvedimento è stato infatti firmato dal direttore dell’Agenzia e pubblicato sul sito www.agenziaentrate.gov.it. Dal 1° gennaio, la pubblicazione dei provvedimenti sul sito tiene luogo della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana, ai sensi dell’articolo 1, comma 361, della Finanziaria 2008.

I modelli approvati - Anche quest’anno sono quattro i modelli approvati:

► il Modello Iva/2008;

► il Modello per le richieste di rimborso;

► il Modello Iva con il prospetto delle liquidazioni periodiche, riservato agli enti o società controllanti;

► il Modello Iva per l’esposizione dei dati relativi alla frazione d’anno antecedente l’apertura concorsuale e riservato ai curatori fallimentari ed ai commissari liquidatori.

Modalità e termini di presentazione – La dichiarazione Iva relativa all’anno d’imposta 2007 deve essere presentata entro il 31 luglio del 2008 ed esclusivamente in via telematica.

Iva: spazio ai contribuenti minimi – Tra le novità è previsto, all’interno del modello, uno specifico spazio – Sezione 4 del Quadro VA - riservato ai contribuenti minimi, ovvero tutti coloro i cui ricavi e compensi non superano i 30 mila euro e che, a partire dal 1 gennaio 2008, sceglieranno di avvalersi del nuovo regime disciplinato dalla legge finanziaria. L’opzione ha validità triennale e permane fintanto che non sopraggiunga l’eventuale revoca.

Si rammenta che, per i contribuenti cosiddetti minimi che optano per questo nuovo regime diverse sono le semplificazioni previste sotto il profilo degli adempimenti contabili tra i quali, in particolare, l’esonero dai seguenti obblighi: di registrazione delle fatture emesse, dei corrispettivi e degli acquisti; di presentazione della dichiarazione e della comunicazione annuale dati Iva e della presentazione dell’elenco clienti e fornitori.

Anche il Reverse Charge tra le novità – Oltre ai contribuenti minimi nel nuovo modello Iva trova spazio la novità del Reverse Charge la cui sezione specifica – Quadro VE, rigo VE34 - è indicata con la denominazione “operazioni con applicazione del reverse charge”. E’ nell’ambito del rigo in esame che si indicano le diverse tipologie di operazioni per le quali la disciplina Iva prevede l’applicazione dell’imposta da parte del cessionario, tra le quali rientrano, a partire del 1 ottobre 2007, le cessioni di fabbricati strumentali imponibili a seguito di opzione.

Riguardo invece il Modello - VR/2008 - per la richiesta di rimborso del credito IVA relativo all’anno 2007, queste sono le modifiche:

► nella Sezione contribuente, il campo “Codice attività” è stato modificato al fine di consentire l’indicazione dei codici attività a sei cifre elencati nella nuova classificazione delle attività economiche Ateco 2007;

► è stata prevista inoltre la casella per l’indicazione del relativo codice da parte dei contribuenti ammessi all’erogazione prioritaria del rimborso.

I modelli annuali IVA 2008 sono reperibili gratuitamente in formato elettronico sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Il testo del provvedimento e i nuovi modelli Iva con relative istruzioni sono disponibili sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate – www.agenziaentrate.gov.it – all’interno della sezione “Documentazione tributaria” Sul quotidiano telematico dell’Agenzia, www.fiscooggi.it, sarà inoltre pubblicato un articolo di approfondimento, il primo d’un Focus speciale in tre puntate riservato al tema dell’Iva.

Roma, 15 gennaio 2008