COMUNICATO STAMPA

 

Parte la comunicazione telematica dei contratti degli atleti: più efficace lotta all’evasione nel settore del calcio professionistico

 

Il contrasto all’evasione nel mondo del calcio professionistico diventa più incisivo. Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Massimo Romano, ha infatti firmato il provvedimento che dà attuazione alle norme che obbligano le società sportive di calcio che partecipano ai campionati nazionali di serie A, B, C1 e C2 ad inviare per via telematica al fisco copia dei contratti di prestazione degli atleti. Le informazioni relative alla stagione sportiva 2006/2007 vanno effettuate entro il 30 aprile dell’anno prossimo.

L’obiettivo della disposizione è di far emergere, con maggiore tempestività, eventuali redditi non dichiarati od operazioni sospette che coinvolgono le società sportive o gli atleti professionisti. In pratica, le informazioni acquisite verranno incrociate con quelle già presenti nel sistema informativo dell’Anagrafe Tributaria, per verificare la correttezza dei dati dichiarati dai soggetti.

La comunicazione deve contenere la copia dei contratti di acquisizione, anche a titolo di comproprietà o prestito, delle prestazioni professionali degli atleti professionisti tesserati per la stagione sportiva di riferimento. A questi va aggiunta la copia dei contratti che regolano il trattamento economico, tra l’atleta e la società, e i contratti di sponsorizzazione in base ai quali la società sportiva percepisce compensi per il diritto di sfruttamento dell’immagine.

Riguardo alle modalità di trasmissione, i soggetti obbligati alla comunicazione devono inviare i dati richiesti utilizzando la casella di posta elettronica certificata dedicata: dc.acc.contratticalcio@pcert.agenziaentrate.it.

Il testo del provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate è disponibile sul sito Internet dell’Agenzia delle Entrate – www.agenziaentrate.gov.it . Sul quotidiano telematico dell’Agenzia, www.fiscooggi.it, sarà inoltre pubblicato un articolo sull’argomento.

 

Roma, 20 dicembre 2007