COMUNICATO STAMPA

 

Società non operative

Nuovi chiarimenti dell’Agenzia delle Entrate

 

 

Disapplicazione anche “parziale” della normativa sulle società di comodo in presenza di “situazioni oggettive”, quali l’impossibilità di utilizzare tutti gli asset aziendali e il mancato rilascio di autorizzazioni per svolgere l’attività.

Maglie più strette invece per chi possiede terreni agricoli incolti o per le società che hanno stipulato contratti di locazione immobiliare con canoni bassi non certificati dall’Agenzia del Territorio, che devono quindi rientrare nei parametri previsti.

L’Agenzia delle Entrate, con una nuova circolare (Circolare n. 44/E del 9 luglio2007), fornisce una serie di chiarimenti specifici rispondendo a quesiti posti dai contribuenti su questioni concrete.

La circolare individua i criteri e i presupposti in base ai quali concedere o meno la disapplicazione, anche “parziale”, della normativa, in presenza di “situazioni oggettive”, che non hanno consentito il raggiungimento dei parametri di ricavi e reddituali previsti dalla legge.

In particolare, vengono affrontate diverse fattispecie relative alle società immobiliari, alle società in liquidazione, alle holding, alle società sottoposte a procedure concorsuali e all’applicazione delle cause di esclusione.

 

Roma, 9 luglio 2007