COMUNICATO STAMPA

 

Emanata la circolare sui nuovi poteri attribuiti al Fisco per l’accertamento delle imposte di registro, ipotecaria e catastale

 

 

 

Con la circolare n. 6 del 2007 emanata oggi, l’Agenzia delle Entrate fa il punto sui riflessi che le norme contenute nel decreto legge n. 223 dello scorso 4 luglio - convertito con modifiche dalla legge n. 248 del 4 agosto 2006, e nella legge n. 296 del 27 dicembre scorso (Finanziaria 2007) - hanno sull’accertamento in materia di imposta di registro, ipotecaria e catastale.

Con il provvedimento, pertanto, vengono fornite concrete indicazioni operative cui gli uffici dell’Amministrazione finanziaria dovranno uniformarsi per il corretto esercizio dell’attività di controllo, alla luce delle nuove norme.

 

La circolare effettua una ricostruzione delle modalità di accertamento della base imponibile, di fronte al nuovo quadro normativo, che ha ridotto l’ambito di applicazione della cosiddetta “valutazione automatica” e si sofferma diffusamente sull’estensione ai fini delle imposte di registro, ipotecaria e catastale, dei poteri di controllo già previsti per l’accertamento delle imposte sui redditi.

 

Una particolare attenzione è dedicata alle indagini finanziarie quale strumento utile per l’accertamento del corrispettivo effettivamente pagato con riferimento agli atti di compravendita immobiliare, legittimando il potere di rettifica della base imponibile dichiarata dai contribuenti e l’applicazione delle sanzioni amministrative.

 

 

Roma, 6 febbraio 2007