COMUNICATO STAMPA

 

 

Fisco: al via anagrafe dei conti Entro il 30 aprile i rapporti intrattenuti nel 2005 e 2006

Entro maggio i rapporti dei primi 4 mesi 2007

Poi comunicazioni mensili

 

L’anagrafe dei conti si appresta a diventare realtà. Entro il 30 aprile gli operatori finanziaria (banche, intermediari, ecc.) dovranno comunicare all’archivio costituito presso l’anagrafe tributaria l’esistenza e la natura dei rapporti da essi intrattenuti relativi agli anni 2005 e 2006. Poi entro maggio dovranno essere comunicati i rapporti costituiti o cessati nel periodo tra il primo gennaio e il 30 aprile 2007 e, a partire da maggio, le comunicazioni dovranno essere effettuate mensilmente entro il mese successivo. E’ quanto si legge in una circolare dell’Agenzia delle Entrate che detta le ultime istruzioni, dopo quelle tecniche già fornite in precedenza, per la costituzione dell’archivio.

 

La nuova banca dati, ricorda la circolare 18 del 4 aprile 2007, si inserisce nell’ambito del “rafforzamento dell’attività di contrasto all’evasione fiscale”. In pratica si tratta di una razionalizzazione dei processi ai fini dell’acquisizione dei dati utili per l’attività di accertamento.

 

La comunicazione fatta da banche e intermediari finanziari dovrà contenere l’indicazione dei dati anagrafici dei titolari del rapporto, compreso il codice fiscale. In pratica, spiega la circolare, dovranno essere comunicati tutti i rapporti, compresi quelli relativi al cosiddetto scudo fiscale per l’emersione delle attività detenute illecitamente all’estero. Il regime di riservatezza che caratterizza tali rapporti, spiega la circolare, “non rileva ai fini della comunicazione” del rapporto di conto, “ma può essere eventualmente opposto all’amministrazione finanziaria all’atto della richiesta di informazioni specifiche circa i contenuti del rapporto”.

 

Le informazioni comunicate potranno essere utilizzate sia in relazione alle attività legate alla riscossione dei ruoli, che nell’ambito dell’attività di accertamento per la ricerca e l’acquisizione di elementi di carattere patrimoniale. Tra le operazioni da comunicare l’apertura e chiusura di un conto corrente, il contratto per una cassetta di sicurezza, la richiesta di un finanziamento, le gestioni patrimoniali e le carte di credito e debito.

 

 

Roma, 4 aprile 2007