Homepage    Sfoglia Finanza&Fisco      Contenuti    Prodotti collegati    Servizi collegati     Link utili    Abbonamenti

Agenzia delle Entrate
COMUNICATO STAMPA

Intese tra Agenzia delle Entrate, Abi, Confapi e Confcommercio per l’anticipazione dei rimborsi Iva in conto fiscale

 

Il direttore dell’Agenzia delle Entrate, Raffaele Ferrara, e il presidente dell’Abi, Maurizio Sella, hanno firmato due protocolli d’intesa rispettivamente con il presidente di Confapi, Danilo Broggi, e il presidente di Confcommercio, Sergio Billè, per favorire l’anticipazione, da parte del sistema bancario, dei crediti Iva vantati dalle imprese nei confronti dell’erario. Gli accordi hanno l’obiettivo di facilitare l’accesso al credito a tutte le imprese in attesa dei rimborsi periodici Iva in conto fiscale, a tassi di interesse particolarmente favorevoli, attraverso una procedura semplificata che riduce al minimo le operazioni amministrative a carico dei soggetti coinvolti, ovvero banche e aziende. Per l’accesso all’anticipazione da parte delle imprese è infatti sufficiente la presentazione all’istituto bancario dell’attestazione di certezza e di liquidità dei crediti tributari - che viene rilasciata dall’Agenzia delle Entrate – e la domiciliazione, presso la stessa Banca, del proprio conto fiscale.

A questo punto - dopo la valutazione del loro merito creditizio e la verifica dell’assenza di carichi fiscali pendenti - le imprese otterranno, a tassi di interesse ridotti rispetto a quelli attuali concessi dal sistema banche per le linee di cassa, un’anticipazione finanziaria che, a seconda dell’istituto prescelto, può variare dall’80 al 90 per cento del credito, accertato e certificato nella sua consistenza dall’Agenzia delle Entrate.

Inoltre, tale affidamento sarà considerato di norma come una linea di fido aggiuntiva e non sostitutiva di quelle già concesse sotto altre forme, per garantire nell’immediato agli operatori economici nuova finanza e risorse extra, che potranno essere impegnate per realizzare e potenziare gli investimenti che determineranno un’espansione ulteriore del tessuto imprenditoriale del Paese.

Al fine di agevolare l’anticipazione dei crediti Iva, l’Associazione Bancaria Italiana e l’Agenzia delle Entrate si sono impegnate a pubblicare sui rispettivi siti Internet l’elenco aggiornato delle banche che aderiscono all’iniziativa.

Roma, 19 maggio 2005